segreteria

Nella riunione di sabato 9 novembre 2019, il Direttivo dell’Associazione Insieme ha nominato il suo nuovo vicepresidente: è Giuliana Chiesa.

Mamma di tre figli, laureata in Scienze dell’Amministrazione ed Organizzazione dei Servizi Sociosanitari, è funzionaria dell’ASL CN2 dove è il referente dei progetti innovativi. Ricopre la carica di Vice Sindaco di Serralunga d’Alba in una lista civica, un importante centro delle Langhe, ed è Presidente dell’AID sezione di Cuneo (Associazione Italiana Dislessia).

Prende il posto di Alberto Franco, giovane dottore commercialista cuneese, dimissionario per motivi di lavoro dopo alcuni anni a fianco del Presidente Marcello Cavallo: “Desidero ringraziare sentitamente Alberto per l’impegno profuso a favore della nostra Associazione. Ha dimostrato di essere una persona capace: a lui va il mio in bocca al lupo per il suo futuro”.

Giuliana Chiesa farà il suo “debutto” mercoledì sera su TeleGranda, canale 186, nella trasmissione “La Granda C’è” alle ore 21. “Giuliana è una donna molto attiva nel campo del sociale e nella ricerca dell’innovazione in tutte le sue forme: tecnologia, ambiente, assistenziale” afferma Cavallo. “Inoltre il territorio da cui proviene, la zona di Alba, consente all’Associazione Insieme di avere un ampio raggio di rappresentatività della Provincia Granda”.

Estratto dall’intervista di Mario Bosonetto a Giovanni Quaglia, pubblicata a pagina 43 dell’edizione di Cuneo de La Stampa del 22/05/2019.

Sono tramontati i grandi partiti tradizionali, come la Dc, il Partito Comunista, quello Socialista. C’è chi dice che invece il partito rimasto ben vivo è «quello di Quaglia». C’è del vero?
«Io ho tre regole che ripeto sovente, quasi un mio mantra. Bisogna avere visione strategica; bisogna avere la capacità di condividere, perché talvolta non basta fare buone scelte, se sono anche condivise hanno una forza dirompente; e bisogna saper fare squadra. Quando al tramonto della Democrazia cristiana abbiamo dato vita all’associazione ’’Insieme’’ avevo questo obiettivo. Altre persone, che stimo e che ritengo di valore ne fanno parte, proprio perché capita di lavorare insieme a favore della comunità. Ci riconosciamo negli stessi valori e abbiamo comuni obiettivi. Ma non si tratta di un partito».  

Leggi l’intervista in PDF